Il giardino delle nebbie notturne

dicembre 2, 2015 in Puntate e recensioni

puntata del 3 Dicembre 2015,

un libro di Tan Twan Eng,

A quale dimensione accediamo quando entriamo in un giardino? Un giardino giapponese, orientato secondo canoni prestabiliti, condizionato dall’ambiente circostante che lo compenetra e riflette, improntato ad una mappa dell’anima che si dissolve piano nella nebbia? Più che l’entrarci in questo luogo di piacevoli commistioni tra stagioni ed emozioni, il difficile risulta l’uscirne. Ne sa qualcosa Yun Ling Teoh, protagonista alla ricerca di risposte.

Le domande di questo giudice donna sono foglie portate dal vento del suo passato, con il quale non riesce a fare pace; Yun Ling è stata prigioniera cinese in un campo di concentramento segreto giapponese in Malesia, la terra nella quale è cresciuta. Lì, ha perso l’adorata sorella, l’innocenza e la giovinezza. Ciò che le resta è la promessa fatta proprio a Yun Hong, con la quale immaginava di costruire un meraviglioso giardino giapponese una volta fuori dall’incubo. Determinata a tenere fede al patto segreto, parte alla ricerca di Aritomo, il vecchio giardiniere dell’Imperatore.

Tutto questo, lo scopriamo per gradi, mentre la protagonista, ormai sulle soglie della vecchia, riflette sul proprio passato, sulla misteriosa scomparsa di Aritomo e sul suo ruolo durante il conflitto. Dove si trovano i resti di sua sorella? Cosa nasconde il giardino? Ma soprattuttto, quale ricetta segreta di accettazione, oblio e memoria le permetterà di riconciliarsi con se stessa e con i propri ricordi? La nebbia si dirada ma non si allontana mai del tutto, in questo paradiso poetico e cruento, tra le montagne della Malesia cosparse di nuvole, segreti e di foglie si tè.

 

Buon ascolto e buona lettura!

Sandra Simonetti