La lettrice scomparsa

marzo 2, 2017 in Puntate e recensioni

puntata del 2 marzo 2017

un libro di Fabio Stassi,

“La lettrice scomparsa” è un romanzo per amanti del giallo e dei rimandi tra finzione e realtà, musica-libri-vita; ma soprattutto è un libro sulla possibilità di guarire delle parti di noi con la lettura, andando oltre la biblioterapia.

“le donne mi raccontavano i loro guai e io suggerivo loro quale libro sarebbe stato utile leggere.”

L’inizio di una nuova vita di solito è scandito da un cambio di abitazione, un nuovo lavoro e magari anche dalla fine di una storia importante: con tutti questi elementi Vince, insegnante precario “in attesa” con un amore ed una memoria incredibili per la letteratura ed i suoi personaggi, ha già deciso di fare i conti. Quello che non si aspetta iniziando ad accogliere donne nel salottino dello studio-appartamento ed ascoltando i loro problemi è la scomparsa della signora del piano di sotto.

“ogni esistenza lascia sempre una traccia come un segnalibro seppellito in un volume.”

La signora Parodi sparisce, letteralmente, e non mancano i presupposti per pensare che sia stata uccisa. Non solo, ma ha lasciato dietro di sé un marito spento ed un cane muto, oltre ad una lista di romanzi che sa di conto in sospeso più con la vita che con il libraio di quartiere. Nel frattempo, via Merulana si popola di sospetti e rimandi letterari, al punto da portare Vince a credere che la linea tra finzione e realtà si sia spezzata e che la letteratura l’abbia completamente risucchiato.

“Se i romanzi aboliscono la realtà è per smascherarla, per riconoscere il vero volto delle cose.”

Del romanzo parliamo oggi pomeriggio h17 su Radio Voce Camuna (per streaming dal sito www.vocecamuna.it), mentre il podcast della puntata sarà disponibile domattina su questa pagina. Nel corso della trasmissione leggeremo i commenti di alcuni ascoltatori che sul gruppo Facebook ci hanno raccontato dei libri che hanno avuto il potere di cambiar loro la “prospettiva”. Buona lettura e buon ascolto,

Sandra Simonetti