55 vasche

maggio 11, 2017 in Puntate e recensioni

puntata dell’11 maggio 2017

un libro di Mimmo Cándito,

Bisogna leggere il sottotitolo per capire la lunghezza e l’importanza di queste 55 vasche: “Le guerre, il cancro e quella forza dentro”. Mimmo Cándito, reporter di guerra per La Stampa, stende un resoconto diretto e d’impatto di cosa significa affrontare l’ospite indesiderato più temuto.

“Certo, in una guerra si giocano mille destini, o anche centomila, mentre nel tumore ci sei soltanto tu.”

La narrazione procede tra diagnosi, terapie, esami, ma soprattutto ricordi: sono infatti i fantasmi del passato a tenergli compagnia la notte, quando il pensiero quasi annulla il dolore concentrandosi su quella massa scura al di là della finestra. Sulla tavola dell’oceano della Florida, così come nella sua mente, il giornalista vede riflessi volti e luoghi, autentici testimoni dai teatri di conflitto dove la sua vita è stata messa più volte a rischio nel corso degli anni.

“E quando il pericolo è alto, l’energia che il senso dell’appartenenza riesce a scatenare unisce alla forza del tuo spirito anche la forza identitaria di tutti coloro che con te condividono storie, avventure, emozioni.”

Da quelle storie – vissute in prima persona e riportate su carta di giornale – Cándito trova la forza interiore di affrontare il presente, con tutte le sue incertezze e le difficoltà, senza dubitare mai di volersi mettere pienamente in gioco…  come quando sei in acqua e ti manca la forza delle ultime bracciate, ma poi cervello e muscoli ripartono e si supera il traguardo.

“Contro il tumore avrei lottato io, ma non sarei stato solo.”

Del libro parliamo oggi pomeriggio in trasmissione, alle h17:00 su Radio Voce Camuna (streaming disponibile dal sito della radio); domattina caricheremo il podcast su quest’altra pagina. Buona lettura e buon ascolto,

Sandra Simonetti

Merken