L’ordine del tempo

luglio 6, 2017 in Puntate e recensioni

puntata del 6 luglio 2017

un libro di Carlo Rovelli,

Per tutti quelli che si sono sempre immaginati la Fisica Quantistica come un qualcosa di astruso ed inaccessibile, questo libro sarà una rivelazione. Carlo Rovelli si avvicina alla questione dello scorrere di passato-presente-futuro con tono divulgativo, guidando il lettore in una profonda riflessione sulla natura del TEMPO.

“Il tempo funziona diversamente da come ci appare.”

Sono molti i preconcetti che cadono a mano a mano che le – poche ma intense – pagine di questo libro si susseguono. E se è l’ordine del tempo a venire scardinato, lo stesso destino spetta a svariate credenze radicatesi nella nostra mente fin dall’infanzia. Il tempo ne emerge come entità quasi inafferrabile, una variabile praticamente inesistente – tranne quando associata ai cambiamenti di calore.

“Il <<presente dell’universo>> non significa nulla.”

Proprio il fatto che il presente in senso assoluto non esista è una delle rivelazioni che colpiranno di più i profani della materia. Di simile impatto la scoperta che il tempo scorre a velocità diverse in pianura rispetto alla montagna, ma anche in base alla velocità (differenza rilevata tra l’orologio al polso di chi sta fermo e quello di chi sta correndo).

“Gli eventi del mondo non si mettono in fila come gli inglesi. Si accalcano caotici come gli italiani.”

Eppure, per quanto sfocata e relativa possa essere la nostra concezione del tempo, c’impegniamo a misurarlo, a quantificarlo… forse proprio per prendere atto dello scorrere delle emozioni e delle tracce che esse depositano dentro di noi. La sfera della memoria e dei ricordi sono tra gli argomenti della parte finale del libro, costellato di citazioni e di riferimenti a letterati e filosofi. Ma niente paura: la lettura risulta scorrevole ed accattivante… a tratti sconvolgente!

“Forse l’emozione del tempo è precisamente ciò che per noi è il tempo.”

Del libro parliamo oggi pomeriggio alle h17 su Radio Voce Camuna. Il podcast della puntata sarà disponibile da domani su quest’altra pagina. Buona lettura e buon ascolto,

Sandra Simonetti