L’incontro

gennaio 10, 2013 in Puntate e recensioni

puntata del 10 gennaio 2013

un libro di Michela Murgia

C’è ancora bisogno di parlare di oratori? Il Libraio pensa di sì, e lo fa con un prete che opera in Valle Camonica e con un libro ambientato nella Sardegna di metà anni Ottanta.

Vi potrà sembrare un bel guazzabuglio, ma il filo logico c’è eccome e nasce da una necessità: l’obiettivo che il Libraio si è prefissato di trovare elementi di contatto tra i libri protagonisti delle puntate e la Valle Camonica. Ecco perché parlare dell’unità pastorale Cividate Camuno – Malegno mentre si analizza un’opera della Murgia non è indice di follia… O almeno, non completamente!

Se avrete la pazienza di ascoltare una delle puntate finora meglio riuscite della trasmissione (sezione podcast), vi accorgerete di che effetto faccia tracciare un continuo parallelo tra le parole di un testo e la vita quotidiana a chilometri ed anni di distanza.

La storia dell’ “Incontro” è apparentemente semplice, ma offre molti spunti di riflessione: un paese si trova spaccato in seguito alla decisione improvvisa da parte del vescovo d’istituire una seconda parrocchia. I bambini smettono di giocare insieme, i vicini di casa iniziano a guardarsi in cagnesco: dinamiche incredibili o incredibilmente indice dell’animo umano e delle sue molteplici sfumature? La soluzione, poi, nasce dalle azioni dei ragazzini e trova spazio durante una “duplice” processione… Ma di più non vi dico!

Quello che la Diocesi di Brescia sta sperimentando è l’esatto opposto: accorpare paesi sotto un unico parroco. E mica è semplice! Ne sa qualcosa il nostro ospite – don Giuseppe Stefini – che si è trovato immerso in un’avventura meravigliosa ma bella tosta: mettere insieme due paesi che da anni si guardano in cagnesco. E se anche in questo caso la soluzione partisse dai ragazzini? Sarà utile allora parlare di oratori!

Sandra Simonetti